Sostanze pericolose, nuove classificazioni “Clp” dal 2017

Il regolamento 2015/1221/Ue sulla classificazione, l’etichettatura e l’imballaggio delle sostanze e delle miscele (Clp), applicabile a decorrere dal 1° gennaio 2017, “armonizza” le regole per una quarantina di sostanze.
Il provvedimento, pubblicato sulla Guue del 25 luglio 2015, modifica le tabelle 3.1 e 3.2 dell’allegato VI al regolamento “Clp” 1272/2008/Ce, dove sono elencate le sostanze che in quanto ritenute pericolose sono fatte oggetto di classificazione ed etichettatura armonizzate. Cambiano così le istruzioni da seguire con riferimento a una dozzina di sostanze (tra cui acido nitrico, fosfuro di calcio e arsenurio di gallo) già presenti nell’elenco, che viene inoltre integrato con l’ingresso di una ventina di sostanze “nuove” (tra cui imidazolo, l’acido ottanoico e l’acido decanoico).
Al fine di concedere ai fornitori il tempo per adeguarsi alle nuove classificazioni, vendere le scorte esistenti e adempiere ai nuovi obblighi di registrazione, il regolamento si applicherà a decorrere dal 1° gennaio 2017 (rimane comunque salva la facoltà di utilizzare le nuove classificazioni anche prima di tale termine).
Regolamento Commissione Ue 2015/1221/Ue: Classificazione, etichettatura ed imballaggio delle sostanze e delle miscele - Modifica del regolamento 1272/2008/Ce (Clp)

Commenti

Post più popolari

Pubblicata la direttiva 2014/68/UE sulle attrezzature a pressione

Seveso III, Ispra presenta due "app" per stabilimenti a rischio

Nuova Sabatini - Bonus per l'acqusito di nuovi macchinari, impianti e attrezzature per le PMI - Istruzioni operative