31 marzo 2017: obbligo di comunicare i risparmi energetici per le grandi aziende soggette a obbligo di Diagnosi D.LGS 102 o certificate ISO 50001


Entro il 31 marzo 2017 le grandi imprese soggette ad obbligo di diagnosi che hanno realizzato un audit energetico nell’anno 2015 o adottato un sistema di gestione dell’energia conforme alla ISO 50001, hanno l’obbligo di comunicare all’ENEA i risparmi di energia normalizzati conseguiti rispetto all’anno precedente (articolo 7, comma 8 del d.lgs.102/2014).
La comunicazione deve essere relativa a tutti i siti, compresi quelli esclusi da obbligo di diagnosi grazie al processo di campionamento, e l’obbligo scatta se i risparmi di energia (elettrica+termica) sono superiori all’1% rispetto all’anno precedente. I risparmi da rendicontare sono tutti quelli riconducibili  ad interventi di efficientamento realizzati sul ciclo produttivo e al semplice risparmio energetico derivante da qualunque modifica, eventualmente anche comportamentale e devono essere normalizzati rispetto alle condizioni climatiche, impiantistiche, funzionali.


Commenti

Post più popolari

Pubblicata la direttiva 2014/68/UE sulle attrezzature a pressione

Seveso III, Ispra presenta due "app" per stabilimenti a rischio

Nuova Sabatini - Bonus per l'acqusito di nuovi macchinari, impianti e attrezzature per le PMI - Istruzioni operative